Proud to be Alex-Addicted!

Gallery

Benedizione nascosta.

Correre in giro e “combattere” in serie d’azione ha aiutato Chi McBride ad intraprendere un nuovo corso nella propria carriera.

 

L’attore americano Chi (pronunciato “sci”) McBride ha perso più di 28 chili negli ultimi anni in parte per aver accettato una serie di ruoli televisivi carichi di azione. Conosciuto come l’impositivo preside di scuola superiore nella serie televisiva Boston Public (dal 2000 al 2004), ha interpretato un detective nella serie d’azione Human Target (2010) e in Golden Boy (2013).

Ora, il cinquantaduenne [attore] si associa alla quarta e più recente stagione della serie di successo Hawaii Five-0 nel ruolo del capitano della SWAT Lou Grover, un ruolo che richiede parecchie corse, sparatorie e combattimenti a suon di pugni.

Parlando al telefono di recente dalla sua casa di Los Angeles, dice: “Ho perso 28 chili negli ultimi cinque anni ed è incredibile. L’ho fatto per sopravvivere. Avevo 48 anni ed i miei dottori mi hanno chiesto ‘Non hai mangiato abbastanza pizza?’ Così ho deciso che avrei cambiato il mio modo di vivere. Poi ho cominciato a fare ruoli d’azione ed è stato semplicemente fantastico.”

Questo ha aperto una strada completamente nuova per la sua carriera. “Fare azione ti allunga un po’ la carriera. L’azione è qualcosa che di norma la gente non mi ha visto fare, sono davvero grato per questo”, dice.

McBride, che è sposato con tre figli dai 6 ai 33 anni, ha cominciato con la musica, pubblicando un singolo nel 1989, He’s The Champ, che ironizzava sul matrimonio del pugile Mike Tyson e della sua moglie di allora, l’attrice Robin Givens. Ha anche pubblicato un album come parte del gruppo cover R&B che però non è decollato.

Poi ha cominciato a recitare a 30 anni, facendo un ruolo come attore ospite nella serie televisiva di successo Willy, il principe di Bel-Air (1992) ed un ruolo di supporto nel film La vendetta dei Nerds III: la prossima generazione (1992).

Da allora ha recitato in più di 30 film e 28 serie televisive, incluso il film Codice Mercury (1998) con protagonista Bruce Willis e le serie televisive Pushing Daisies (dal 2007 al 2009) e The Nine (dal 2006 al 2007).

Ma è stata la sua parte come il preside scolastico Steven Harper in Boston Public, riguardante un’immaginaria scuola superiore pubblica, che gli ha meritato una nomination nel 2001 per un premio dell’Associazione dei Critici Televisivi.

Sebbene tutti questi ruoli gli sono piaciuti, dice che non ce n’è nessuno che vorrebbe fosse durato più a lungo. “Non sono molto sentimentale. Se non capisci il concetto che le cose finiscono, finirai col bere troppo. Sai cosa intendo?”

Eri un fan della serie originale Hawaii Five-O, andata in onda dal 1968 al 1980?

Sì, certamente. Sono cresciuto guardandola e mi piaceva molto. Stavo lavorando in altre serie quando è uscita la nuova Hawaii Five-0, pertanto non ho avuto l’occasione di guardarla. Ma dopo che sono stato contattato per l’ingaggio, ho guardato gli episodi passati in dvd. Erano pieni di azione, e molto interessanti ed eccitanti.

Com’è stato essere il “tizio nuovo” in una serie già rodata?

Mi piace molto lavorare col cast. Conosco (l’attore) Scott Caan da molti anni ed è un tipo divertente con cui aver a che fare. Alex O’Loughlin e Scott ed io abbiamo anche molto in comune, e fumiamo sigari e raccontiamo storielle. Gioco a golf con molti dei ragazzi della produzione. Ed arrivare a girare alle Hawaii, quella è stata una benedizione perché ci sono così tante cose da fare, che si tratti di giocare a golf o di fare hiking o altro. È anche un equilibrio tra la vita lavorativa e privata.

Il tuo personaggio Lou Grover è stato preso dall’originale Hawaii Five-O ed era interpretato da Scott Brady. Hai sentito la pressione di dover far felici i fan della serie vecchia e nuova?

Non proprio, perché spesso quando comincia a preoccuparti di cose come questa, finisci col fare una caricatura di recitazione. Tutto quello che posso fare è usare quel poco di talento che ho e basarmi sul copione – ed è stato davvero grandioso. Il mio lavoro è di interpretare quello che scrivono su una pagina e non faccio entrare nient’altro nella mia testa.

Hawaii Five-0 ha un cast multietnico che include gli attori asiatico-americani Daniel Dae Kim e Grace Park. Pensi che l’industria cinematografica e televisiva sia maggiormente aperta verso la diversità, oggigiorno?

Dipende da che definizione dai a “diversità”. Penso che Hollywood sia un business a cui importa soltanto di un colore: il verde. Se puoi far soldi, non gli importa di che colore sei. Non ho mai affrontato il mio lavoro dal punto di vista della mia razza perché ho sempre avuto molta fiducia in quello che sono capace di fare come attore, così non ho mai avuto a che fare con il problema “diversità”. Comunque, la diversità è qualcosa di più che semplicemente un gruppo di persone che hanno aspetti differenti. Se metti persone che hanno aspetti differenti nello stesso posto, tutto quel che hai è una pubblicità della Benetton, il che è splendido se devi vendere un mucchio di maglioni. Ma la diversità è molto più profonda dell’aspetto delle persone o di qual è la loro razza.

Tu hai tre figli maschi nella vita reale, ma in Hawaii Five-0 il tuo personaggio è il padre di una ragazzina. Hai mai desiderato una figlia?

Ho diffuso cromosomi Y dal 1980 e sono contento di non aver avuto figlie, perché ho già abbastanza capelli bianchi così com’è. Il problema sarebbe stato che lei avrebbe cercato di farmi fare quello che voleva e che io glielo avrei lasciato fare, e sarebbe stato un disastro. Bruce Willis mi ha detto che la prima volta che uno è arrivato per portar fuori sua figlia, lui era seduto sul patio mentre puliva la sua pistola e gli ha chiesto: “Ehi ragazzino, hai visto Die Hard?” Il ragazzino fa “Certo” e lui ha detto “Benissimo” e l’ha lasciato andare. Sono contento di non aver mai dovuto affrontare una cosa simile.

Hai cominciato con la musica prima di arrivare alla recitazione. Prenderesti mai in considerazione di tornare alla musica?

Cielo, no. Le mie registrazioni non hanno mai raggiunto l’oro o il platino – solo la plastica. Effettivamente non conosco nessuno oltre alla mia famiglia che abbia mai avuto i miei dischi. Non ne ho neanche una copia. Se lavori nel business cinematografico o televisivo, i tuoi film o le tue serie possono essere un successo o un fallimento, ma vieni pagato ugualmente. Ma puoi fare un album per una casa discografica e se non decolla, alla fine della fiera ti danno un conto dicendo che gli devi centomila dollari. Pertanto, no grazie.

Come ti piacerebbe essere ricordato?

Non penso a cose di questo genere perché fra cent’anni non avrà nessuna importanza. Ma se devo essere ricordato, spero che sia da parte delle persone che mi amano davvero ed a cui importa veramente di me. Essere ricordato per il tipo di uomo che sono stato verso mia moglie e il tipo di padre che sono stato verso i miei figli – questo è ciò che conta realmente. Tutto il resto sono cavolate. Conosco un sacco di persone che tutti amano ed a cui i fan spediscono lettere, ma i loro figli li odiano. Preferisco che sia il contrario.

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

 Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


Alex O’Loughlin in topless mostra i suoi addominali scolpiti mentre gioca in mare sul set di Hawaii Five-0.

Topless: Alex O’Loughlin stava girando una scena sul set di Hawaii Five-0 a Honolulu, alle Hawaii, lunedì scorso.

È stato in giro per Honolulu girando i nuovi episodi di Hawaii Five-0.

E per dimostrare perché sia ancora uno dei più sexy uomini in televisione, il 39enne [secondo alcune fonti è nato nel 1974, N.d.T.] Alex O’Loughlin mostra i suoi addominali scolpiti mentre gioca nelle onde sul set della serie.

Il 37enne [secondo altre fonti è invece nato nel 1976, N.d.T.] attore australiano lunedì ha esibito una serie di tatuaggi sulle braccia, come pure il suo apprezzabilissimo torace.  

Indossando soltanto un costume da bagno stile bermuda, fissato strettamente con un cordoncino bianco, Alex ha teso i pettorali del suo ben abbronzato torso.

Anche la sua serie di tatuaggi serpentini sulle spalle era in bella mostra mentre teneva i suoi corti ricci scuri spettinati e scompigliati per girare le nuove scene.

Alex, che interpreta il tenente comandante Steve McGarrett in “Hawaii Five-0” della CBS, recentemente ha fatto delle Hawaii la sua residenza permanente.

Scolpito: Alex O’Loughlin esibisce i suoi addominali scolpiti mentre gioca nell’acqua

Ha messo su casa con la sua fidanzata Malia Jones, 36 anni, il loro figlio Lion, 14 mesi, ed il figlio quattrenne che Malia ha avuto con l’ex marito, il surfista australiano Luke Stedman.

In precedenza, allo show di Ellen DeGeneres Alex ha detto: “Ho comprato una casa. È bella. È della metà del secolo [scorso]. È tutta aperta. Mi piacerebbe ristrutturarla interamente.”

Tuttavia qualche giorno fa la casa dell’attore a Diamond Head a Oahu, del valore di 4 milioni di dollari, ha preso fuoco dopo una misteriosa esplosione in garage.

 

Secondo Hawaii News Now, cinquanta pompieri sono intervenuti sulla scena ed hanno spento il fuoco in venti minuti.

Nessuno è rimasto ferito, ma l’australiano 37enne “sembrava davvero molto stressato” quando è arrivato a casa.

O’Loughlin ha finito col perdere moto, utensili e tavole da surf per un valore totale di circa 110 mila dollari di danni.

Ad ogni modo Malia, che è una surfista professionista, ha apprezzato il trasloco dato che si accorda alla sua professione, ed anche Alex è contento dato che il 39enne ha più tempo per incrementare le sue abilità da surfista.

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

 Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


Alex O’Loughlin: “Senza i fan non siamo niente”

Stanno vedendo la luce interviste di una giornata della CBS dedicata alla stampa, e ci piace questa qui della Montreal Gazette con Alex O’Loughlin. Se siete fan del protagonista di Hawaii Five-0 da un certo tempo, sapete che ama quello che fa per vivere, ed apprezza i fan che lo rendono possibile.

Continuate a leggere le schiette parole di O’Loughlin.

 

BEVERLY HILLS, California – Alex O’Loughlin viene riconosciuto più spesso in pubblico e viene occasionalmente fermato, anche quando fa shopping con la sua famiglia. Oltre a questo, l’”effetto Hawaii Five-0”, come lo chiama O’Loughlin, è stato come una giornata al mare.

Hawaii Five-0, ora giunta alla sua quarta stagione e vicina ai cento episodi, ha recentemente messo in ombra la serie originale del 1968. Five-0 non è materiale da Emmy o da Golden Globe, ma è una delle serie drammatiche più guardata in televisione, particolarmente in Canada, dove attira quasi due milioni di spettatori ogni settimana ed ha fermamente smentito la nozione della cosiddetta “fascia oraria morta del venerdì sera” – la sera dove le serie vanno a morire.

O’Loughlin, nato a Canberra, Australia, che è apparso fugacemente nelle serie della CBS di breve durata Moonlight e Three Rivers prima di ottenere il ruolo di Steve McGarrett nel rivisitato Hawaii Five-0 nel 2010, afferma che è stato un appassionato seguito di fan a sostenere Five-0.

“Senza i fan, non siamo niente”, ha detto un O’Loughlin visibilmente rilassato ad un piccolo gruppo di giornalisti internazionali, provenienti da Paesi molto lontani tra loro come la Turchia, la Malaysia, la Russia e la sua nativa Australia. “Senza i fan, quella cinematografica è un’industria inutile. Abbiamo bisogno che le persone vengano e guardino quel che facciamo. Io li amo e li onoro, perché senza di loro io dovrei andarmene a far qualcos’altro. Sarei un carpentiere o qualcosa del genere, perché altrimenti non avrei un lavoro. Sono fiero della mia serie, ragazzi.”

Oltre a venire riconosciuto al supermercato – “Se dovete venire a comprar banane con me di sabato in un negozio, occorre davvero un mucchio di tempo” – e voler proteggere i suoi figli dalla curiosità del pubblico, O’Loughlin dice che la sua esperienza nel girare Five-0 alle Hawaii con Scott Caan, Daniel Dae Kim e l’originaria di Vancouver Grace Park è andata approfondendosi.

O’Loughlin concilia il lavoro con i suoi figli ed una casa piena di animali – un cane e due camaleonti – e questo lo tiene coi piedi per terra. Lavorare alle Hawaii gli ha concesso l’opportunità di guadagnarsi da vivere con quello che sa far meglio, e vivere contemporaneamente una vera vita casalinga, senza il timore di venir tallonato da paparazzi o da cacciatori di celebrità.

“È un business divertente, quello in cui siamo”, ha detto O’Loughlin. “È un lavoro strambo quello che ho. Ho fatto la mia prima recita quando avevo otto o nove anni. Mi è piaciuto allora, e mi piace adesso. Non sono propriamente bravo con nient’altro.

“C’è molta ansia e molto stress e molta pressione, però. Gli orari sono tremendi. Ci sono molti rischi, rischi fisici (questo va di pari passo con il far una serie d’azione). Tutto questo scompare quando sono coi miei figli. Qualsiasi genitore comprenderà quel che sto dicendo: quando guardi i tuoi figli, nient’altro conta. Tutto quello che fai è per i tuoi figli.”

O’Loughlin ha respinto le illazioni che indicano che stia cercando un modo per uscire da Hawaii Five-0. Una sua dichiarazione è stata mal riferita in un recente servizio dei media, ha detto.

“Ho firmato un contratto per sei o sette anni, e questo è quello cui sono dedito. E se faremo qualcosa dopo di questo, faremo qualcosa dopo di questo.

“Sentite, io amo questa serie. Questa serie è il mio lavoro. Questa è la mia serie. Mi piace lavorare più di tutti gli altri connessi alla serie. L’ho fatto fin dal principio, e lo farò fino alla fine. Questa è la mia vita, ed è tutto quello che ho. Non ho il tempo di fare film. Non ho il lusso di pause nella mia agenda in modo da poter andarmene a far cose per puro divertimento. Mi manca, ma sono completamente dedito a Hawaii Five-0 e sono profondamente grato per l’opportunità che mi è stata data. Mi arrabbio moltissimo quando riferiscono male le mie dichiarazioni. Cerco di essere onesto con la stampa. Non do risposte monosillabiche, e mi piace dire quel che penso. Ho un po’ di senso dell’umorismo. Ma quando riferiscono male le mie parole e vengo dipinto in una certa maniera, mi fa desiderare di non parlar più con la stampa. Sono ferocemente protettivo riguardo a questa serie, pertanto mi piacerebbe incontrare di nuovo quel giornalista su un ring.”

Il direttore della serie Hawaii Five-0, nonché capo autore e produttore esecutivo Peter Lenkov, è originario di Montreal – un mondo lontanissimo dalle brezze tropicali e dagli alisei hawaiani.

“Peter è il migliore”, ha detto O’Loughlin. “È pazzesco. Viene da Montreal ma parla come uno di Long Island. Ha l’accento di Long Island. È molto strano. Sentite, Peter è quello che lavora più duramente di me. Se non fosse per lui, non avremmo la serie. Se non fosse per il suo supporto e il fatto che mi difende sempre, non farei parte di questo e non parlereste con me, oggi.

“È la persona più dedita, piena di risorse e visionaria che io abbia mai incontrato. È il miglior autore di trame che io abbia mai incontrato. Il modo in cui riesce a risolvere i problemi sul set, creativamente nel copione, entro trenta minuti, ed aver le pagine pronte è… è incredibile. È una persona molto pratica. Viene regolarmente sul set, ed è sempre disponibile. Gli posso mandare un’e-mail alle quattro del mattino, e lui mi risponde un tre minuti. Lui è un motivo fondamentale per cui siamo ancora in onda, per cui la serie ha il successo che ha, e per cui tutti i fan del mondo riescono ad avere una puntata ogni settimana. Penso davvero che con un direttore diverso sarebbe stata una storia diversa. Potremmo non essere rimasti in onda.“

O’Loughlin non è disposto a scambiare le Hawaii con Hollywood molto presto, in ogni caso.

“Quando torno a Los Angeles, la prima cosa che noto è l’inquinamento. Poi noto i cartelloni ovunque, per la televisione e per i film. E mi dico, oh mio Dio, lui è in una serie televisiva? Lei sta facendo televisione, adesso? Non ci sono cartelloni alle Hawaii, nessun manifesto o altro.

“C’è qualcosa di riposante in questo. Hollywood è come un altro pianeta, in tal senso. È riposante essere lontani da ciò, perché quel genere di cose non arricchisce la mia vita ad alcun livello. Mi distrae solamente da quel che è importante. E quel che è importante è la mia famiglia e la mia salute e il mio lavoro.”

Alex Strachan, Postmedia News

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


O’Loughlin di Hawaii Five-0: Faccio cose divertenti “da maschietto” e gioco con le pistole

Con la sua terza stagione oltre la metà, “Hawaii Five-0” non potrebbe essere più in fermento. La CBS ha anche coinvolto i fan della serie, permettendo agli spettatori di scegliere il finale di un episodio.

In dicembre, mi sono seduto con il protagonista di “Hawaii Five-0” Alex O’Loughlin durante la sua pausa pranzo per una rilassata intervista Domande & Risposte. Dopo aver mangiato qualcosa, ci siamo messi comodi ed abbiamo cominciato a parlare della sua carriera, di cosa accadrà prossimamente nella serie CBS e qualche sua originale preferenza che i suoi fan potrebbero non conoscere.

Questo ragazzo è molto gentile, ed ha gradito domande riguardo a come ha cominciato a recitare e sulla serie televisiva ambientata alle Hawaii.

RT: Qual è la tua auto preferita?

AO: La mia auto preferita? O cielo, buona domanda. Penso che probabilmente mi piacerebbe una vecchia (Pontiac) GTO con la capote, come quelle del ’67. Quelle vecchie GTO sono belle. Sai quella che hanno in “xXx”, lui guida quella viola con un mitra sul tettuccio… Forse mi faccio la parte con il mitra.

RT: In che modo questa stagione è diversa dalle altre due? Per quanto riguarda la tua esperienza.

AO: Effettivamente mi piace molto, questa stagione. Sembra che molte cose siano maturate. Mi sono rilassato un poco e non mi prendo rischi. Non faccio acrobazie come usavo fare prima. Posso semplicemente starmene seduto, fare il mio lavoro e stare con la mia famiglia. Pertanto, effettivamente per me è fantastico. Sento di avere una certa stabilità lavorativa, ora. Mentre durante i primi due anni, era come se mi si potesse far mancare il terreno sotto i piedi ogni momento.

RT: Quale diresti che sia la parte più soddisfacente del tuo lavoro?

AO: Beh, ho davvero un gran bel lavoro. Mi diverto un sacco. Racconto storie, che è la cosa che mi piace di più fare, lavoro con un gran bel gruppo di persone, e faccio cose divertenti “da maschietto” e gioco con le pistole. La cosa più soddisfacente del mio lavoro, tuttavia, è essere in grado di raggiungere le persone in un modo che sta fuori dall’industria [dello spettacolo]. Se faccio un gran lavoro e divento un personaggio di interesse pubblico a qualche livello, allora spero di poter usare ciò per generare interesse in altre aree che possono essere il servizio comunitario o la filantropia.

Penso che sia questa la parte più importante del mio lavoro come attore. È il mio modo di dar qualcosa in cambio.

RT: Chi sono le persone che hanno più influenzato la tua vita?

AO: Mia mamma è una di queste. E come le altre persone che hanno influenzato la mia vita, è per quello che ha superato. Ma ci sono certi uomini (come il mio agente), che conosco da molto tempo e col quale sono cresciuto negli anni, il cui onore è vero, sai cosa intendo dire?

Le persone a cui guardo per ispirarmi nella mia vita, sono persone che fanno cose per altre persone, sono persone per le quali le priorità maggiori sono amore, rispetto e integrità, come la mia signora, Malia. Quelle sono le persone di cui mi sono circondato. Quelle sono le persone che hanno il mio più profondo rispetto. Li altri li lascio perdere.

RT: Qual è la cosa più eccitante, diversa, forse più azione, che sei ansioso di far vedere al pubblico?

AO: Sono sempre ansioso che il pubblico si sintonizzi e guardi il nuovo “Five-0”. “Five-0” ha sempre cose nuove e forti. Gadget, pistole, auto, azione, grandi onde… C’è anche parecchio coi personaggi che sta accadendo con la mamma (di McGarrett), la figlia e la ex di Danno… Mi piace che non sia esclusivamente procedurale.

 

Per leggere tutta l’intervista, controllate il Kapi’o Magazine, in pubblicazione questa primavera.

 

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


Ritorno al lavoro giornaliero! Melanie Griffith accoglie i tropici in una tenuta estiva mentre gira Hawaii Five-0!

Sta girando scene per la sua più recente serie televisiva, che è ambientata alle Hawaii.

E Melanie Griffith certamente ha accolto l’atmosfera tropicale mentre girava in un’ampia blusa estiva bianca con bordi ricamati all’inglese. Ha abbinato la blusa con dei pantaloncini in denim arrotolati e sandali bianchi, completando il suo look sereno con un cappello impagliato a tesa larga.

L’attrice, 56 anni, stava girando la serie Hawaii Five-0, un remake del dramma poliziesco durato dal 1968 al 1980.

Melanie interpreta il ruolo della madre del detective sergente Danny “Danno” Williams (Scott Caan).

Evidentemente compiaciuta del lavoro, Melanie ha scritto su Twitter: “L’alba dalla camera del mio albergo alle Hawaii. Mi sto divertendo moltissimo a girare.”

Questo è il primo progetto di Melanie in svariati mesi, mentre sta anche interpretando, assieme al marito Antonio Banderas, il thriller fantascientifico “Autòmata”, la cui uscita è prevista per l’anno prossimo.

Il cinquantatreenne Banderas interpreta un agente assicurativo che indaga sui robot che vivono tra di noi, scoprendo qualcosa che altererà il corso dell’umanità.

La coppia, che si è sposata nel 1996, ha una figlia, Stella, di diciassette anni.

Melanie ha anche un’altra figlia, Dakota Johnson, 24 anni, dal primo marito Don Johnson, sposato nel 1976 e risposato nel 1982, ed un figlio, Alexander, di 28 anni, dal secondo marito Steven Bauer.

Dakota sta attualmente interpretando Anastasia Steele nel film “Cinquanta Sfumature di Grigio”, girando scene a Vancouver, Canada.

Cinquanta Sfumature di Grigio” è diretto da Sam Taylor-Johnson e ne è prevista l’uscita nei cinema il 13 febbraio 2014.

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


Nessun posto è troppo lontano da raggiungere per un sogno… Le ammaccature di Miek

Come la maggioranza di voi sa, Alex e l’allenatore di Jujitsu Egan hanno tenuto un seminario di beneficienza al nuovissimo centro di addestramento di Egan per insegnare autodifesa femminile. Tutto il ricavato dell’evento è andato al Kapiolani Medical Center for Women and Children. Vi abbiamo già raccontato la storia di K, una delle signore del posto che hanno frequentato il seminario. Dopo aver letto la storia davvero avvincente di Miek, del suo viaggio proveniente dall’altra parte del mondo per frequentarlo, abbiamo pensato che poteva essere una grande idea condividere anche questa storia con voi. Spero vi piaccia quanto è piaciuta a noi!

 

Questa è la conversazione tra Paula e Miek, che porta alla condivisione della sua storia con noi:

 

Miek: Grazie al vostro blog, sono venuta a sapere del seminario per l’autodifesa femminile. Non ho potuto resistere. Non avevo i soldi o il tempo per una vacanza, ma ho trovato lo stesso il modo per andare e vederlo. È davvero una bella persona. E tanto avvenente, ma… lo sapevamo semplicemente per aver visto tutte le sue opere

Paula: Beata te! Mandaci un resoconto se vuoi condividere la tua storia di quel giorno  Ne abbiamo una, ma siamo sempre ansiosi di sentirne altre

Miek: A volte devi semplicemente fare una cosa. Vivo in Olanda. C’è voluto un viaggio di 22 ore di andata ed un altro di 22 ore di ritorno per stare a Honolulu 4 giorni. La miglior decisione che io abbia mai preso. È valsa assolutamente tutti i soldi e il tempo di viaggio.

Paula: Sei andata lì soltanto per quello? Wow, questa è dedizione seria  Sei la mia eroina

Miek: Wow, questa è una prospettiva davvero carina! La maggioranza mi chiama semplicemente un’idiota  Ho soltanto sentito che dovevo farlo, così l’ho fatto. È come il detto: Non ti pentirai mai di quello che hai fatto, solo di quello che non hai fatto.

 

 

Il racconto di Miek della sua avventura: Come mi sono procurata le ammaccature AOL

 

Come qualcuno di voi già saprà, anche io sono stata al seminario di domenica scorsa a Honolulu con Alex.

È stato surreale… Non sono ancora completamente sicura che sia realmente accaduto, ma potrebbe essere il jet lag, dato che sono arrivata dall’Olanda unicamente per questo evento speciale ed ora sono di nuovo a casa

Ero col gruppo delle 15.00, ma sono arrivata un’ora prima. (in parte perché avevo paura di arrivare in ritardo e ovviamente… più tempo con Alex  ) L’altro gruppo si stava divertendo moltissimo con lui. Ride in continuazione e scherza con tutti. Si può davvero vedere quanto gli piaccia essere lì in palestra. Ero semplicemente lì seduta e stavo scattando alcune foto, quando il fotografo mi si è avvicinato per dirmi che non era consentito fare foto.

 

Ad un certo punto Alex mi è passato vicino e mi ha guardato dritto negli occhi per la prima volta e credetemi, “gulp” non ci arriva neanche vicino. Sono rimasta letteralmente paralizzata!!! È così stupendo con quei suoi occhi blu… Tutti i miei piani di rimaner calma sono volati dalla finestra e sono rimasta lì a fissarlo. Quando la prima sessione è finita, tutte stavano facendo foto con Alex e devo dire che lui si prende il suo tempo per farlo. Suppongo che si renda conto di quanto importante sia per noi donne renderci abbastanza presentabili nella foto di “una volta nella vita”. Il nostro gruppo stava recandosi nello spogliatoio mentre il primo gruppo aveva l’opportunità di parlare con lui un po’ più a lungo.

Finalmente è arrivato il nostro turno. L’introduzione, la prima mossa difensiva. Riuscivo a pensare soltanto a come concentrarmi su quanto veniva detto, perché non volevo perdere la testa di nuovo. Quant’è stupido… sono nella stessa stanza con AOL e sembra che io non riesca a guardarlo di nuovo. Mi sentivo un po’ come un’adolescente.


Naturalmente Alex arriva e si unisce a noi per il primo round!!! Grazie a dio il mio nervosismo è sparito in quel momento e ho potuto (grazie a dio) parlare e far pratica con lui, esattamente come volevo fare fin dall’inizio. La mia partner faceva domande ed Alex spiegava tante volte quante necessarie, chiedendo a me (!!!!) di aiutarlo facendomi afferrare il suo (molto peloso e molto muscoloso) braccio . Poi si è liberato girandosi, passando proprio di fianco a me. E di nuovo. E adesso era lui ad afferrare il mio braccio, dove dovevo liberarmi girandomi… e di nuovo. Ero così grata alla mia partner che continuava a far domande. La miglior partner di sempre!

Purtroppo quello è stato l’ultimo momento in cui Alex ha lavorato con noi, doveva dedicarsi anche alle altre. Ad ogni modo, non so se sarei sopravvissuta con lui che si sedeva sopra di me, così forse è stato per il meglio

 

Alcuni momenti divertenti durante la lezione che voglio condividere con voi tutti:

  

 Ad un certo punto una collega allieva ha messo il ginocchio sui suoi “gioielli di famiglia”! Il suo commento: “Mi ha colpito all’inguine, ma non è successo niente, ho già tre figli, sono a posto.” Straordinario commento.

–       Un’altra allieva si è girata dalla parte sbagliata, dandomi una bella visuale del suo didietro, facendo ridere Alex ed esclamare verso Egan: “abbiamo una nuova mossa!” Le ha chiesto di rifarlo e le ha detto: “Se lo facevi mentre ti stavo attaccando, sarei stato costretto a lasciarti andare e a trovare un’altra vittima, perché questa ragazza è incredibile, non posso attaccarla.”

–       Corey (il co istruttore per la lezione di autodifesa femminile) ha mostrato le mosse mentre Alex interpretava il pervertito. Lo ha buttato a terra in un attimo. La sua risposta è stata: “è brutale, Egan, puoi far tu la prossima volta.”

–       Poi un’allieva si è difesa in un modo totalmente diverso, che Alex non è riuscito a bloccare. Allora Alex ha coinvolto nuovamente Egan dicendogli: “Questa è una mossa completamente nuova, non posso farlo, c’è solo un tot di cose che puoi insegnarmi in tre anni.”

 

Alla fine della lezione c’è stata la sessione foto e poi Alex ha detto “mi spiace ragazze, devo andare a casa dai miei figli”. Il che è una bella cosa, ovviamente. Non è per questo che lo amiamo e lo rispettiamo così tanto?

Non ho potuto lasciarlo andar via senza dargli un piccolo libretto di marionette da dito che abbiamo fatto al lavoro. Semplicemente a causa del titolo: “Little Lion” [Piccolo Leone, n.d.t.]. E’ stato così dolce riguardo al mio piccolo regalo: “Oh ragazzi, incredibile, è fantastico, grazie” trasformandomi nuovamente in gelatina.

Fuori ho visto Egan ed Alex vicino alla sua macchina (un grosso camioncino pick up della Ford – se a qualcuno interessa che tipo di auto guida) e gli ho chiesto un autografo dicendogli che ero spiacente di rubargli altro tempo, dove ha cortesemente replicato “naturalmente, non c’è problema” e poi perfino dicendo a Egan che doveva firmare la mia brochure.

 

Se dopo tutto questo c’è ancora qualcuno che non è d’accordo con noi che Alex non è soltanto l’uomo più sexy della tv, ma anche il più gentile coi suoi fan, allora c’è ancora qualcosa per lui:

Lo sapevate che il nostro multi-dotato uomo-delizia ha disegnato la nuova palestra tutto da solo?

 

Ma c’è qualcosa che non sa fare?

 

Grazie Miek per la tua storia. Mi sono divertita moltissimo ridendo al suo contatto coi “gioielli”  – Paula

 

Per completare il quadro riguardante la nuova palestra ed il contributo di Alex, condividiamo alcuni estratti di articoli degli ultimi mesi:

 

Pacific Business news, 16 ottobre 2013

Marcia Inoue, comproprietaria e moglie del famoso campione di arti marziali miste Egan Inoue, ha detto che un business in rapida crescita ha obbligato la coppia ad espandersi. “La cosa carina di tutto questo è che Alex O’Loughlin di ‘Hawaii Five-0’, uno degli studenti privati di mio marito, ama design ed architettura, così ha organizzato e disegnato l’intera palestra col nostro input”, ha aggiunto.

 

Midweek, 13 novembre 2013

Inoue è estremamente fiero della nuova palestra, denominata Egan’s Training Center, e molto grato ad O’Loughlin, che è stato responsabile del design fondamentale, della disposizione e dei materiali. “Ho anche organizzato la squadra edile”, aggiunge O’Loughlin. “Oltre a questo, durante gli scorsi sei mesi circa ho lavorato a stretto contatto col mio amico Steve Finch per aggiornare la grafica per la Grappling Unlimited, incluso un pezzo su commissione raffigurante un samurai che ora è appeso alla parete di fondo.” Il nuovo centro di addestramento ha anche una gabbia esagonale ed uno spazio addizionale con tatami, che O’Loughlin elenca come suoi oggetti preferiti, come pure una panchina in un unico blocco di cemento che hanno deposto accanto al bancone della reception.

 

Pensiamo che non siano necessarie altre parole per spiegare perché adoriamo così tanto quest’uomo…..!!

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”


Hawaii Five-0 – Episodio 4.12 – Kono tornerà a tempo pieno!

Ho sempre voluto sapere quando Grace sarebbe tornata a Hawaii Five-0. Il direttore della serie Peter Lenkov ha confermato oggi al Mike Buck Radio Show alle Hawaii che Grace è tornata alle Hawaii e sta girando 4.12 proprio adesso. Le notizie ufficiali qui di seguito vengono da H50 Undercover a mezzo Officier808. Grazie Officier!

Sembra anche che pure Adam tornerò alle Hawaii. Ha postato questo sulla sua pagina Instagram:

 


Dato che in questo momento i responsabili sono molto avari nel postare foto sui social media, potremmo non essere in grado di ottenere la foto ufficiale appena prima che l’episodio venga trasmesso, a fine dicembre o a gennaio.

 

Saranno anche in questo episodio:

Chi McBride
Teilor Grubbs
Dennis Chun
Taylor Wily
Shawn Garnett

 

Peter Weller torna a dirigere l’episodio; nella scorsa stagione ha diretto ed interpretato “Hookman”. 

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”