Proud to be Alex-Addicted!

Five-0 Redux: Preso dai titoli dei giornali.

 

Tip Gilbert interpreta se stesso nell’episodio di questa settimana (foto per gentile concessione della CBS)

 

 

Hawaii Five-0” ha avuto un’interessante terza stagione; una settimana sono alle stelle, un’altra sono appena così così, e qualche volta sono straordinari.

 

Questa settimana direi che siamo in salita, con un episodio alquanto solido collegato ad un filo di realismo che addolcirebbe anche il più strenuo detrattore del Team Five-0.

 

Tra i momenti intensi di un caso che spezza il cuore, ed un’occhiata più in profondità nella psicologia paterna di Danno, possiamo vedere la squadra che lavora ad un procedurale davvero ben fatto, come anche un po’ di movimento nella linea narrativa Kono-Adam.

 

L’episodio di questa settimana, “Ho’opio” (“Prendere prigioniero”), per la maggior parte è incentrato sull’assassinio di Amanda Morris (Kanani Rogers), che è stata rapita dieci anni prima e trovata morta in una fossa poco profonda. Il suo assassinio porta la Five-0 a scoprire indizi riguardo al recente rapimento di un’altra ragazzina, Ella Bishop (Mykayla Sohn). Sia Amanda che Ella sembrano essere state rapite dalla stessa persona, e Danno e McGarrett fanno tutto ciò che è in loro potere per trovare la piccola Ella – come anche l’assassino di Amanda.

Credo che la parte migliore dell’episodio, oltre ai momenti davvero intensi quando Scott Caan ha avuto una vera opportunità di apparire non soltanto come uno sbirro simpatetico, ma come un padre empatico, è stato l’aspetto preso dai titoli dei giornali. Il rapimento sia di Amber [probabile lapsus calami dell’articolista, dato che la prima bimba rapita si chiama Amanda e non Amber, n.d.t.] che di Ella ricorda Maile Gilbert, che è stata rapita ed assassinata alle Hawai’i nel 1985. Il nome di Maile è stato usato per creare il MAILE AMBER Alert. MAILE sta per “Minor Abducted In Life-threatening Emergency” [Minore Rapito in Pericolo di Vita, n.d.t.] ed è stato nominato in precedenza in “Hawaii Five-0”, soprattutto in “Ua Lawe Wale” e quando la figlia stessa di Danny, Gracie (Teilor Grubbs), è stata rapita in “Mai ka wā kahiko”.

Danno (Scott Caan) ricorda il dolore che ha provato quando sua figlia è stata rapita, nell’episodio di questa sera. (foto per gentile concessione della CBS)

So che alcuni di voi obietteranno che ha usato i pugni per ottenere informazioni dal sadico pseudo-artista Ray Beckett (interpretato con stravaganza da brividi dall’ex punk rocker e artista della parola Henry Rollins), ma come madre, capisco le sue azioni estreme. Ho apprezzato molto come McGarrett istintivamente capisce che Danno ha bisogno di ottenere quell’informazione, e che per proteggere il suo collega – doveva prendere il distintivo di Danno e semplicemente andarsene via. Non perché stava punendo Danno, ma per proteggerlo. Avevano bisogno che Beckett dicesse loro dov’era nascosta Ella, e sembrava che non potesse essere il detective Williams ad ottenere quell’informazione dal loro sospettato, ma Danny Williams, padre e cittadino preoccupato, che sarebbe riuscito a farlo parlare, non importa a quale prezzo.

 

Spesso mi chiedo perché “Hawaii Five-0” usi così spesso il trucco del “depistaggio” – il personaggio che è perfetto come sospettato, ma che, naturalmente, non è il vero assassino/rapitore/cattivo. Ma penso che sia il modo perchè possiamo vedere una faccia famosa per qualche minuto, e questa settimana non fa eccezione.

 

Henry Rollins compare nell’episodio di questa settimana (foto per gentile concessione della CBS)

Una buona porzione dell’episodio è stata usata per sviluppare ulteriormente la storia di Kono e Adam. Kono e Catherine hanno un paio di scene carine dove Kono chiede a Canterine di indagare sulla connessione di Adam con un uomo di nome Sato. Non è esattamente quello che vorremmo sentire dalla nostra coppia romantica. Cos’è accaduto alle scene da doccia calda e bagnoschiuma? Penso che quando il tuo ragazzo era avvezzo a stare nel crimine organizzato e tu sei una sbirra, può essere che sia difficile, ma non significa che tu debba mentire a tuo cugino e perquisire la casa del tuo uomo. So che non risponde alle tue chiamate, ma non significa che tu debba perseguitarlo attraverso la tua migliore amica che può usare le sue connessioni con l’intelligence della Marina per fornirti buone informazioni.

Almeno adesso Kono sa dov’è Adam e con chi sta – anche se è in Giappone e sta con la yakuza – ma Chin lo ha ben detto di lasciar spiegare Adam prima che lei decidesse di potersi fidare di lui. E sembra che Adam debba dare molte spiegazioni.

Oltre agli intensi momenti del procedurale e di Kono che tenta di capire che cosa sta combinando Adam, ci sono stati anche molti momenti dolci in questo episodio. La benevola presa in giro dei capelli cortissimi di McGarrett, che è stato un modo furbo per permettere all’attore Alex O’Loughlin di disfarsi dell’orribile parrucca che ha dovuto indossare nell’episodio della scorsa settimana “Imi Loko Ka’Uhane”. E Danno che si prende il tempo di scambiare un abbraccio con la figlia Gracie durante il suo allenamento da cheerleader è stato un momento che avevamo bisogno di vedere dopo due serie di genitori distrutti, e dopo il difficile momento quando Tip Gilbert offre i suoi servizi a McG e a Danno con una foto della sua perduta figlia Maile appuntata al suo gilet di pelle.

Il voice over finale di Kanani Rogers, che legge i diari di Amanda Morris mentre i suoi genitori piangono e Danno li guarda, è stato ben fatto. Molte volte gli show televisivi vanno troppo oltre, e fanno usare ai personaggi urla e singhiozzi melodrammatici per rappresentare tristezza e sofferenza. Ma ho pensato che le lacrime ed il dolore sono stati molto realistici in questo episodio e trattati in modo equilibrato. Bella regia del veterano di “Hawaii Five-0” Steve Boyum, basata su una grande storia di Peter Lenkov e sceneggiatura di Noah Nelson.

Se gli ultimi due episodi sono come questo, potremmo terminare la terza stagione col botto.

Poscritto Redux:

Questa settimana, svariati attori hawaiani – come pure un’atleta olimpica hawaiana – sono comparsi nell’episodio:

  • Jodi Jarvis e Brent Scott Dupuis hanno interpretato Joyce e Don Bishop, i genitori della ragazzina scomparsa, Ella Bishop.

  • Kanani Rogers, che recentemente è stata vista in “Next to Normal” [Quasi normale, n.d.t.] del Manoa Valley Theatre, ha interpretato la coraggiosa Amanda Morris, la ragazzina che è stata rapita e tenuta prigioniera per dieci anni.

  • L’ex cronista ed attuale blogger dello Star-Advertiser Diane Ako è stata vista sul televisore di Henry Rollins mentre parla della morte della supposta rapitrice Helen Cantera,

  • La wrestler olimpionica Clarissa Chun, accreditata come “piccola giovane donna”, aiuta a separare Shawn Mokuahi Garnett, il cugino di Kamekona Flippa, da una cena a base di gamberetti come pure la sua dignità.

  • Dennis Chun si è fatto notare ancora una volta in una breve scena con la squadra che trova il corpo di Amanda ed aggiornando McG e Danno riguardo alla catena di indizi.

Shawn Mokuahi Garrett. (Per gentile concessione della CBS)

 

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...