Proud to be Alex-Addicted!

Riassunto Five-0: Pilialoha *** SPOILER***

Di Wendie Burbridge / Speciale per lo Star-Advertiser

 

Sin dall’esordio di “Hawaii Five-0” sulla CBS, i temi di ohana e pilialoha – famiglia e amicizia – sono stati il fondamento per molte delle azioni e dei metodi operativi della squadra.

L’episodio di questa settimana, “Hoa Pili”, (“Grande amico”) ha trattato quattro gruppi di amici, tutti coinvolti in un mistero che inizia con un’esplosione e finisce con diversi morti – ed amicizie distrutte.

Competentemente diretto da Jeff Cadiente e scritto da Kyle Harimoto da una storia di Harimoto e Richard Arthur, “Hoa Pili” ci ha offerto svariati significati dell’idea di pilialoha.

All’inizio della puntata, incontriamo i grandi amici Ryan (Brendan Ford) e Liam (Yuri Lowenthal), che sembrano condividere non soltanto un rapporto d’affari, ma anche la moglie di Ryan, Allie (Tara Platt). Ryan non è molto felice di Liam ed è pronto ad ucciderlo, quando l’esplosione di una barca vicina sembra bloccare la sua vendetta di cornuto.

È un peccato che la vicenda non sia continuata nella storia principale, perché pensavo che avrebbe funzionato alla perfezione se Ryan avesse dato in pasto Liam agli squali, ma il trio adultero non è più tornato nell’episodio. Comunque, è stato un efficace modo sexy/drammatico di cominciare la puntata. Beh, è stato sexy soltanto quando sono venuta a sapere che gli attori che interpretavano la coppia adultera sono effettivamente sposati nella vita reale.

Una volta che ci siamo addentrati nel procedurale, il tema dell’amicizia è continuato. I fratelli Jason e Craig Brant (Mac Brandt), proprietari della O’ahu Shark Tours, la cui storia sembra presa pari pari da un titolo di giornale, hanno perduto tre delle loro barche in altrettanti incendi dolosi. Quando Jason viene trovato morto in una delle loro gabbie da squali, la Five-0 trova un collegamento con una compagnia di pesca, diretta dagli amici Jay Lappert (James C. Victor) e Bruce Kaneshiro (Kelsey Chock). Gli amici puntano il dito contro il Kapu, un club di surf con la fama di parlare coi pugni quando la gente “combina casini”.

McG e Danno si recano sulla North Shore per interrogare Kawika, il capo del Kapu (interpretato dal surfista professionista sponsorizzato alla Mauli Ola Foundation, Kala Alexander), che in passato ha aiutato McGarrett e la squadra Five-0 in diverse occasioni.

Quando McG e Danno arrivano per interrogarlo, scoprono che una casa colonica nella proprietà del quartier generale del Kapu è stata misteriosamente data alle fiamme. I due chiedono a Kawika riguardo al suo coinvolgimento con i fratelli Brant e le loro operazioni di shark tour, ma lui nega di aver fatto loro del male o di volergliene fare e si offre di aiutare McGarrett a scoprire chi può aver pestato Jason, e indotto suo fratello Craig a vendicarsi sul Kapu incendiando la loro proprietà.

Una volta che Kawika affronta la sua gente riguardo a chi ha dato a Jason Brant “una lezione”, Levi (interpretato dallo stuntman veterano Tanoai Reed) confessa d’aver strapazzato Jason per aver dato da mangiare agli squali rendendoli “non intimoriti dagli esseri umani”.

Che gli squali possano non aver paura degli esseri umani può sembrare strano a molti, ma è vero. La ragione per la quale gli squali “attaccano” la gente ha più a che fare col fatto che sulle tavole da surf sembriamo squisite tartarughe o foche piuttosto che con l’idea che abbiamo un gusto delizioso o che vogliano vendetta perché abbiamo ucciso i loro piccoli. Questo è ciò per cui Levi è davvero arrabbiato; il fatto che gli squali non si sentano minacciati quando sono circondati dalla gente, e pertanto si siano spinti fino ad un punto dove le famiglie fanno surf ed abbiano quasi ucciso il giovane cugino di Levi.

Personalmente, se Levi, o se per questo Kawika, arrivasse anche soltanto un po’ arrabbiato al mio shark tour, probabilmente venderei le mie barche e comincerei ad organizzare crociere in catamarano per beneficienza, dato che questa sarebbe una migliore, se non più salutare, scelta di carriera. Tanoai Reed, che fa anche da controfigura all’attore Dwayne “The Rock” Johnson, è gigantesco, pertanto era innegabilmente spaventoso, e tuttavia l’ho trovato realisticamente preoccupato per la propria famiglia ed un personaggio molto credibile.

Ho pensato che l’episodio cercasse di presentare tutti i punti di vista della controversia, realmente esistente alle Hawai’i, riguardo gli shark tour. Abbiamo ecologisti che cercano di evitare che gli squali diventino zuppa di pinne di squalo, surfisti che vorrebbero che la vita oceanica rimanesse equilibrata in modo naturale, e hawaiani che credono che gli squali, o manō, sono una delle manifestazioni animali di un ‘aumakua, o custode famigliare.

Hawaii Five-0” ha spiegato tutti i punti di vista e non ha tentato di suggerire un modo di risolvere la questione. Ha mostrato cosa succede quando la pura avidità diventa più importante dell’amicizia. E mentre la squadra Five-0 tentava di risolvere il mistero, hanno cominciato a trovare altri corpi – o parti di corpi – lungo la strada.

Ovunque, la puntata ha avuto molte parti grandiose. Abbiamo avuto svariati cargument tra Danny e McG ed un ancor più grandioso battibecco in elicottero che ha veramente fatto da epilogo all’episodio. Le scene belle hanno tutte avuto a che fare con l’illustrazione di pilialoha – per tutto il tempo fino alla fine, con Kono e McG che aiutano Brant a ripulire la sua ultima barca, e Chin e Danno che arrivano per aiutare a ricostruire la casa colonica di Kawika.

Perfino l’ultimo momento con l’assassino – il pescatore Jay Lappert – che non solo ha ucciso Jason Brant, la prima vittima, ma che ha anche ucciso il proprio amico Bruce, e lasciato il suo socio di pesca Hal a morire e a far da pasto agli squali. Quando McG gli lascia la foto dei suoi amici morti, quello ha proprio fatto intendere bene l’idea di come possa andare a finire anche la più grande delle amicizie.

Mi sono anche piaciute le scene che avevano poco a che fare col procedurale. Le scene con Kamekona che cerca di imparare a pilotare il suo “gamberetticottero” erano esilaranti, e anche se non siete stati dei fan di “Magnum P.I.”, avete dovuto pensare al riferimento mentre Kamekona stava facendo volare McG, Danno e Max in un tour inaugurale in elicottero sopra Waikiki. Non sono sicura se Kamekona sembri più T.C. o “Higgy Baby”, ma quella scena è stata assolutamente impagabile.

Sono stata molto felice di vedere che Cath e McG sembrano aver fatto pace, come lei sembri a casa propria da McGarrett, ed a proprio agio con Steve. E mi è molto piaciuta la scena tra Chin e Leilani, e ho pensato che è stata trattata molto bene, con un buon equilibrio tra humor e pazienza. Non voglio che Chin sia triste per troppo tempo, così mi è piaciuto il fatto che sia stata aperta la porta perché Leilani entri nella sua vita.

Hoa Pili” è sembrato un episodio molto speciale dato che è stato ben infuso nel concetto di amicizia, forse perché lo ha diretto un grande amico della serie, il coordinatore acrobatico Jeff Cadiente.

In hawaiano, “hoa” significa “compagno, amico, socio, collega, camerata, partner, o coetaneo”, e “pili” significa “aggrapparsi, aderire, toccare, congiungersi, o incollarsi”.

Cadiente decisamente personifica queste parole – è assolutamente tutti i significati di “hoa pili” per “Hawaii Five-0” ed è stato con il cast e la troupe fin dalla prima stagione.

Mentre Cadiente è noto per aver diretto e coordinato le acrobazie e i team della seconda unità, ha detto che preferirebbe dirigere episodi incentrati sui personaggi per mostrare che lui è più che semplice azione e acrobazie.

Penso che con questo episodio, egli sia riuscito definitivamente a mostrare le sue capacità a raccontare una storia, ed a mostrare i personaggi al loro meglio. Non vedo l’ora di vedere altri esempi della sua regia in questa stagione o nella prossima.

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...