Proud to be Alex-Addicted!

Hawaii Five-0: Peter Lenkov stuzzica i fan riguardo alla terza stagione

Con tutto quel che sta succedendo questa settimana, può essere difficile distinguere la foresta a causa degli alberi! Ecco una bella intervista con Peter Lenkov, apparsa lunedì, che merita un’occhiata più da vicino, dato che il nostro direttore preferito ci dà qualche dritta riguardante la terza stagione.

L’articolo contiene alcuni piccoli spoiler, ma dato che è Peter a parlare, non viene rivelato niente che possa compromettere il vostro piacere di guardare la serie (premesso che sappiate chi è Shelburne), anche se non avete ancora visto il primo episodio della stagione.

Il produttore esecutivo di ‘Hawaii Five-0’ Peter Lenkov parla della terza stagione, di Christine Lahti e della risoluzione dei cliffhanger

Di Rick Porter

Hawaii Five-0” ha chiuso la scorsa stagione con un cliffhanger – un paio di essi, in effetti – e i fan che si sono sintonizzati sul primo episodio della terza stagione di lunedì (24 settembre) non dovranno attendere a lungo per vedere come si risolveranno.

Inizierà dov’è terminato”, dice a Zap2it il produttore esecutivo e direttore dello show Peter Lenkov, “Ho sempre visto l’episodio come uno unico in due parti, a causa di tutti quei fili narrativi e di tutto ciò che necessita una risposta.”

Lenkov ci ha anche parlato riguardo all’ingaggio di Christine Lahti nel ruolo della madre di McGarrett (Alex O’Loughlin), Doris, della risoluzione dell’altro cliffhanger che coinvolge Chin Ho (Daniel Dae Kim) e di qualche cosa di ciò che possiamo aspettarci nella terza stagione di “Five-0”.

Zap2it: Perché ha voluto Christine Lahti per il ruolo della madre di McGarrett?

Peter Lenkov: Un’attrice ad un certo punto deve saper esprimere tutta questa emozione, questo rimpianto, sentire come se avesse fatto questo sacrificio di abbandonare la sua famiglia per proteggerla. Serve un’attrice straordinaria per tirar fuori tutto questo. Sono solo parole su un foglio di carta finché non arriva qualcuno che possa esprimere veramente tutti questi livelli emotivi. È semplicemente una grande attrice. Per me, acciuffare qualcuno così, anche solo riuscire ad interessarla, è un colpo grosso. Quello era l’obiettivo, semplicemente aver qualcuno che recitasse molti strati. C’è commedia nello show, così può far semplicemente quello. Ma si tratta di recitare le scene drammatiche – interpretare le emozioni, il rimpianto. Interpretare la parte della madre che deve dare molte risposte. Ed anche interpretare qualcuno di abbastanza forte da essere credibile quando tira fuori una pistola e da aver questo passato, che abbia potuto essere qualcuno che anni prima era nel gioco dello spionaggio. Penso che Christine Lahti abbia tutto questo.

Quando avete avuto l’idea che Shelburne fosse la madre di Steve, la scorsa stagione?

È sempre stato così. Lo abbiamo sempre saputo, mentre lo scrivevamo. Ma la cosa più difficile è stato nascondere la cosa per così tanto tempo, perché lo fai per ventidue, ventitré episodi, e dopo un po’ gli spettatori cominciano ad immaginarlo. C’è stato un punto in cui gli spettatori hanno cominciato a fare quelle ipotesi, pensando che fosse il padre o la madre. E io pensavo, “Oddio, davvero? Siamo appena al diciassettesimo episodio”. Lo sapevamo, ma è sempre stata questione di nasconderlo intelligentemente. Lì è stato quando Terry O’Quinn si è preso il colpo, per così dire, dicendo che era lui Shelburne.

Ci può dire dov’è stata Doris e…

Che cos’ha fatto per vent’anni? Molto di questo verrà spiegato nel corso della stagione. Ma quello che dice a McGarrett è che si stava nascondendo, che era in fuga. Che si è spostata di casa sicura in casa sicura, che Wo Fat la stava cercando. Ma scopriremo che c’è molto di più riguardo a quello che ha fatto negli ultimi vent’anni.

Qual è lo stato emotivo di Chin Ho dopo la sua scelta di Sophie alla fine della scorsa stagione?

Penso che vorrà veder scorrere sangue. Ci stavamo scherzando, chiamandolo “uomo a fuoco”. Prova ad annegare sua cugina, spara a sua moglie, si arrabbierà alquanto.

Come espanderete il ruolo di Michelle Borth adesso che è nel cast fisso?

È divertente – penso che la maggior parte della gente pensasse che sarebbe diventata un membro della Five-0. È nel cast fisso, ma non è un membro della squadra… Risponde al telefono nel quinto episodio [e dice] “Tenente Rollins, assistente di Steve McGarrett, come posso aiutarla?”, perché lui sembra chiederle parecchi favori. Nei primi episodi, lei fa davvero di tutto per aiutarli. Nel primo episodio, viene portata in una casa sicura per proteggere Doris mentre McGarrett e il resto della squadra se la vedono con la storia principale. Poi nel secondo episodio viene coinvolta alla grande. Si troverà ad esercitare i suoi colpi migliori. Vedrete molti lati di Catherine che non avete finora visto.

Ma lei è molto presente a se stessa – non so se ha mai guardato “Magnum” quand’era piccolo, ma Magnum continuava a chiedere favori a tutti. Era sempre in debito. Il miglior modo per comparare la cosa è questo – lei è molto più di una fidanzata. È qualcuno su cui [McGarrett] può contare, qualcuno a cui può rivolgersi se ha bisogno d’aiuto. È una confidente – è diventata una specie di Venerdì al femminile che sa anche fare a botte.

Come equilibra le linee narrative in svolgimento con le storie poliziesche settimanali?

Come autori è divertente fare un procedurale dove riesci ad analizzare i personaggi. La maggioranza di questo tipo di serie stanno molto leggeri coi personaggi e ci vanno molto pesanti con la trama. Penso che i nostri spettatori vogliano veramente conoscere i nostri personaggi. Vogliono davvero trascorrere più tempo coi personaggi e probabilmente meno sulla trama. Semplicemente ci immaginiamo il modo di equilibrare la faccenda. La cosa migliore è che all’inizio dell’anno sappiamo dove andremo a parare. Così sappiamo come ripartire queste piccole storie dei personaggi. In qualche modo vengono ben inseriti in questo copione che dura quarantadue minuti. Normalmente siamo lunghi e mettiamo quelle scene extra nei dvd, ma siamo molto profondi sui personaggi, specialmente quest’anno. C’è molto da fare adesso, a causa della madre di McGarrett, a causa di Michelle che è entrata [nella storia]. Così non ci sono soltanto più personaggi da seguire, ma anche più relazioni da seguire.

Ha meritato il diritto di approfondire maggiormente i personaggi, dopo un paio di stagioni di successo?

Il nostro motore è ancora la serie poliziesca procedurale. Ce la mettiamo davvero tutta per raccontare un caso appassionante ogni settimana. Ma l’emittente televisiva ha molta fiducia in noi sul fatto che saremo capaci di creare quelle storie, come pure di seguire i nostri personaggi. E penso che gli attori, per tenerli interessati specialmente nei prossimi anni – anche se siamo ancora nella nostra infanzia – vogliono che i loro personaggi si evolvano. Così cerchiamo di mantenerli motivati, occupati, dandogli cose davvero interessanti da fare.

Quali sono le storie che avete delineato per la terza stagione?

Torna Ed Asner – concluderemo la sua storia. Se l’è svignata dopo un omicidio, lo scorso anno, tra le altre cose, così risolveremo quella storia. C’è un episodio molto divertente in cui McGarrett e Danny [Scott Caan] vanno semplicemente a pescare – e la loro barca viene assalita e rubata e finiscono in una scialuppa per due atti. È come portare un cargument ad un altro livello, mettendolo sull’oceano.

Sono curioso di vedere come Steve riesce a convincere Danny ad andare a pesca.

È parte della storia. Vengono coinvolti in un crimine là fuori sull’acqua. Quella è una storia divertente. Stiamo esplorando – Kono [Grace Park] aveva una relazione con Adam [Ian Anthony Dale] l’anno scorso. Così ora che Adam è nel nostro mondo, vedremo come si comporterà e in che modo influenzerà la Five-0. Una delle cose che ci piace è la trama, ma un’altra è il personaggio… Kamekona [Taylor Wily] sta espandendo il suo marchio. Entrerà nel giro del turismo, imparando a pilotare un elicottero così da poter fare tour dell’isola. Pertanto potete immaginare che è divertente. Vedremo Max [Masi Oka] in una relazione con una donna per la quale ha una cotta da molto tempo.

Hawaii Five-0” viene trasmesso alle 22.00 orario della costa orientale sulla CBS.

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...