Proud to be Alex-Addicted!

The Five-o Redux: Mantenendo la fede Di Wendie Burbridge/Speciale per lo Star-Advertiser

La fede sembrava scarsa per il fan di Hawaii-Five-0” in queste ultime settimane. Dopo aver cercato di seguire il susseguirsi delle brutte notizie – Alex O’Loughlin in cura, l’episodio crossover con “NCIS: LA” girato senza McG; il suggerimento che forse ci sarà una seconda stagione accorciata, compensata con due settimane di repliche – i fan erano pronti per una nuova puntata. E mentre il comunicato stampa della grandiosa notizia che “Hawaii Five-0” era stato rinnovato per una terza stagione sembrava incoraggiare gli spettatori, l’episodio di questa settimana, “Kalele” (o “Fede”), è stato un assai necessario balsamo per i fan.

La puntata, con l’annunciatissima partecipazione di Ed Asner, comincia con una grande scena che ha rinfocolato la fede per i fan di “Five-0”. Giuro che ho udito sospiri da milioni di soggiorni in tutta la nazione quando McGarrett e Danno sono usciti dalle onde alla Queen’s Beach a Waikiki. Mi è piaciuta l’ironia del fatto che McG istruisca Danno riguardo al corretto comportamento sul “rubare” l’onda, dato che in realtà Alex O’Loughlin è relativamente nuovo a questo sport e Scott Caan ha fatto surf per gran parte della sua vita. (E Caan probabilmente non verrebbe mai beccato a trascinare la sua tavola sulla sabbia.)

Ma se non altro, siamo riusciti a vedere le nostre due stelle preferite in salute e di buonumore – il che ha risolutivamente aiutato a riportare la nostra fede nello show nei corretti binari.

Asner, in un fantastico omaggio alla serie originale ed al suo ruolo del contrabbandiere di diamanti August March, è stata un’altra guest star d’alto livello. Mentre alcuni spettatori non sono stati contenti riguardo alla concentrazione di membri ospiti del cast rispetto al nucleo della squadra Five-0 di McG, Danno, Chin e Kono, l’aggiunta di attori anziani che avevano grandi ruoli scritti per loro aggiunge davvero molto al sapore ed al fascino dello show.

Mi è piaciuto come l’autore Joe Halpin non solo abbia riportato il personaggio di Asner e l’abbia fatto funzionare entro la struttura di trama già stabilita del reboot (un giovane Jack McGarrett ha condotto March in prigione e ha rifiutato di prendere una bustarella da lui), ma abbia anche riportato la frase-firma di March dalla serie originale.

“Non girare mai la schiena al compratore.” Questa è stata la maniera perfetta di collegare la classica al reboot!

E che maniera di terminare l’episodio di questa settimana – non sono stata mai così entusiasta di un finale dalla puntata d’apertura della stagione quando Jenna Kaye ha guidato un’auto da fuga per Wo Fat e abbiamo visto una “buona” diventare istantaneamente una “cattiva”. Lo so, più tardi abbiamo scoperto che Jenna non era propriamente “cattiva” (solo indotta in errore per amore), così forse potremmo vedere March tornare per emendare i suoi atti riprovevoli. Forse ai fan dell’originale piacerebbe vedere più riferimenti classici nei futuri episodi di “Five-0”. Io, per conto mio, non avrei niente da ridire.

C’è stato molto che mi è piaciuto in questo episodio, non solo il personaggio di August March, ma anche il ritorno di alcuni altri personaggi – Taryn Manning come la ribelle sorella di Steve Mary Ann, Jason Scott Lee come l’ex poliziotto ed attuale prigioniero ad Halawa Kaleo, e Tom Sizemore come Capo Fryer.

Mary Ann dovrebbe venir soprannominata “Pua Ting” (ditelo lentamente se non siete pratici di gergo locale), perché qualche volta si mette in guai talmente grossi che a volte mi chiedo se non ha un cartello che dice “picchiatemi” sulla schiena. Ma suppongo che questo la renda tanto più benvoluta dai fan televisivi. Mi piace molto il fatto che possa esserci in più episodi, così che lei e Steve possano costruire un rapporto fraterno maggiore piuttosto che solo una relazione del tipo McG-come-garante-della-cauzione.

Scott Lee e Sizemore sono gli epitomi di ciò a cui i veri agenti probabilmente non vorrebbero essere paragonati quando gli sbirri vengono rappresentanti in televisione. Entrambi hanno lasciato una scia viscida sul mio schermo piatto. Mi sono sentita un poco spiaciuta per Kaleo quando è stato mandato in galera, ma dopo aver minacciato la figlia di Danno, probabilmente se l’è voluta. Penso che Kaleo non abbia ricevuto la notifica che Danno letteralmente sparerebbe a chiunque se Grace venisse minacciata.

Forse dovremmo modificare la battuta in “Spaccali, Danno”, perché se non credete che Danno spaccherebbe tutte le ossa del corpo di Kaleo se minacciasse Grace, non state guardando questa serie con sufficiente attenzione.

Per quanto riguarda Sizemore, sta cominciando lentamente a piacermi. Non sono una grande fan del personaggio Fryer, ma sono una fan dell’attore, e devo dire che interpreta bene il gioco poliziotto buono/poliziotto cattivo con la squadra Five-0. Ha aiutato Danno a punire Kaleo per aver ucciso il suo vecchio partner, come pure per aver predisposto la morte di due agenti innocenti. Sfortunatamente, non era lui il vero architetto dell’operazione, il che ha fatto terminare l’episodio con quel suo fantastico colpo di scena.

Tutto sommato, c’è stata una grande abbondanza di fede in questo episodio: fede tra fratelli, fede tra poliziotti, come anche un po’ di fede malriposta – forse non si dovrebbe mai fidarsi di un ex contrabbandiere, non importa quanto dolce e “nonnesco” sembri. Per quanto mi riguarda, dopo questo episodio, la mia fiducia nello show si è sicuramente rinnovata. Suppongo di dover ringraziare l’originale per avermi aiutata a mantenere la fede.

Nota a parte di Redux:

Il personaggio della radio locale Devon Nekoba ha fatto il suo debutto in “Hawaii Five-0” nel ruolo di Myers, l’agente della TSA [Transportation Security Administration, l’ente USA per la sicurezza dei trasporti, n.d.t.] che fa rapporto a McG riguardo all’arresto di Mary Ann. Nekoba può essere una faccia famigliare ai residenti hawaiani dato che viene spesso visto in pubblicità locali e suona in giro per la città.

 

Traduzione a cura di Mariangela Mariga per Hawaii Five 0 – Italy

Fonte

Image Hosting

“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...